Io e il mio impianto

Diritto d’autore: i redattori si presentano
28.10.2012..

Nome

Paolo

 

Cognome

Di Marcoberardino     

 

Stato civile

Coniugato

 

Figli

Una

 

Dove vivo

Nella città più bella del mondo e ci dispiace per gli altri.   

 

Passioni

Troppe. Ogni mezzo che abbia un motore. Il Sahara con la mia Toyota, i viaggi notturni con la mia Harley Davidson, la Musica tutta purché mi tocchi il cuore, la fotografia, il buon vino, un buon sigaro, la buona compagnia, la buona cucina. In poche parole le buone cose della vita.

 

Sport

A vent’anni atletica. Poi rugby per brevissimo tempo, ma troppe botte… Lo sci. Ora tento con il tennis, e sono anche cintura nera di riposino sul divano.

 

Cosa detesto

I tuttologi, gli arrivisti, i raccomandati, i santi e i navigatori, i traffichini e i disonesti, quelli che utilizzano termini in inglese per vendere fumo (ne girano a bizzeffe in ogni azienda italiana), i selfisti, quelli che feisbuc, quelli sempre molto interessati alla vita degli altri (ma fatte un po’ li cazzi tua…).

Praticamente buona parte dell’umanità, quindi, e come vedete detesto anche essere politicamente corretto. Evito con cura anche le zanzare e la pasta scotta.

 

Il sogno nel cassetto

Una chiacchierata con W.A. Mozart. Scrivere un romanzo e poterlo pubblicare.

 

Chi avrei voluto essere

James Bond.

 

Il primo impianto

Tutto Technics e casse RCF BR 1180: un orrore, ma ho capito da subito come non deve suonare un impianto.

 

L’ultimo impianto

Wilson Benesch Circle con braccio Act 0.5 con alimentatore Orbit, testina Audio-Technica ATOCC3Naim CD5X con alimentatore Flatcap 2X, pre phono Audion Phonostage con trasformatori Beyerdinamic, pre linea Dromos Metis con valvole NOS Mullard e Telefunken, finale Conrad Johnson MV60, diffusori Klipsch Heresy III su basi autocostruite, filtri BlackNoise, accessori utility e inutility di vario genere. Cavi tanti e di vari marchi, MITTransparent CableStraight WireCardasNordostAudioquest, ecc. ma soprattutto autocostruiti in argento puro, che provvedo personalmente a intrecciare nelle notti di plenilunio cantando una litania in giapponese antico. Per la musica liquida mi sto attrezzando con molta calma.

 

Esperienze editoriali

Passate, Videohifi, Fedeltà del Suono e Audiophile Sound. Attuali, solo ReMusic.

 

Quello che penso dell’hi-fi

Una grande passione e un gran bel gioco, rovinato in parte da un mercato che si è dedicato soltanto al cliente ricco e scemo, facendo fuggire quelli meno ricchi e meno scemi, ma soprattutto quelli più giovani.

 

Quello che penso delle riviste hi-fi

A volte utili come un frigorifero dentro a un igloo, ma c’è chi lavora con passione e in modo serio. Recensire un oggetto è cosa tutt’altro che facile. Quello che manca è il trasmettere una cultura della passione, intesa come guida per un approccio sano all’hi-fi; bisognerebbe far capire a tutti che gli acquisti compulsivi non portano a nulla, se non a vendere tutto nel giro di qualche anno e a stancarsi del gioco prima o poi. Ma purtroppo troppi addetti ai lavori pensano che sia meglio spremere il cliente piuttosto che farlo crescere negli anni.

 

Un consiglio spassionato

Ascoltate più musica dal vivo che dal morto.                      

di Paolo Di Marcoberardino
Leggi altri suoi articoli

Torna su

Pubblicità

DiDiT banner
Vermöuth Audio banner
Omega Audio Concepts banner
KingSound banner
Banner Extreme Audio

Is this article available only in such a language?

Subscribe to our newsletter to receive more articles in your language!

 

Questo articolo esiste solo in questa lingua?

Iscriviti alla newsletter per ricevere gli articoli nella tua lingua!

 

 

 

Email:
Lingua:

Pubblicità

Dream Streaming banner
HighResAudio banner