Nasce l'italiana Blue Moon Audio Technology

Novità ed eventi | Notizie a cura degli operatori del settore
01.09.2014..

Comunicato stampa | Nasce la Blue Moon Audio Technology


L’Azienda

La Blue Moon è un nome nuovo nel panorama delle aziende produttrici di prodotti Hi Fi e Hi End, ma le persone che vi sono dietro sono dei professionisti di lungo corso in questo settore.

Bruno Fazzini ha collaborato diciotto anni con la rivista Fedeltà del Suono e attualmente dirige, insieme a Massimo Piantini (Direttore Tecnico) le riviste on line Hi Fi Time Review, Vintage Hi Fi Club e Music Art Review, oltre ad aver scritto Hi Fi forever, il primo libro sull’Hi Fi in Italia.

Massimo Piantini fonda la sua professionalità sull’esperienza maturata in tanti anni di collaborazione con il geniale progettista giapponese Be Yamamura, partecipando alla realizzazione di tanti prodotti innovativi in ambito audio, dai giradischi ai diffusori, dai cavi ai sistemi antivibrazione. Da anni è anche  apprezzato discografico, avendo prodotto incisioni con la sua etichetta, la Max Research, di alto livello tecnico e qualitativo, mettendo sempre in primo piano la naturalezza e la realtà dell’evento sonoro.

 

La filosofia aziendale

La Blue Moon ha una sua filosofia progettuale che si fonda sulla naturalezza della riproduzione musicale. Per tendere a tale obiettivo la Blue Moon produce particolari diffusori acustici, esclusivi audio file player, speciali cavi di segnale, potenza e alimentazione, particolari basi antivibrazioni per elettroniche e diffusori. 

La naturalezza della riproduzione, ossia la verità della riproduzione dell’evento sonoro, è però condizionata anche da fattori esterni alla catena d’ascolto.

 

Due sono i principali fattori condizionanti esterni.

Il primo è certamente l’ambiente dove si ascolta. E’ importante che la sala d’ascolto abbia un buon equilibrio tra assorbimento e riflessione; ad essa dovrà essere dedicata la massima attenzione nella messa a punto delle sue capacità di accogliere la riproduzione dell’evento audio. Nel libro Hi Fi forever l’autore ha dedicato molti paragrafi a questa problematica, dando consigli e utili indicazioni alla taratura dell’ambiente d’ascolto. E’ possibile scaricare alcuni interessanti paragrafi su questo argomento da Hi Fi forever dal sito www.bluemoonaudiotechnology.com

Le LS1, ad esempio, si esprimono meglio in ambienti di dimensioni non troppo ridotte (per questi ambienti è in preparazione un modello più piccolo dalla simile impostazione sonora), dove i trasduttori planari hanno la possibilità respirare e far emergere le loro potenzialità espressive, e dove il woofer possa far dispiegare correttamente la sua lunga onda sinusoidale.   

 

Il secondo fattore riguarda le incisioni che gli appassionati hanno a disposizione. La maggioranza delle registrazioni disponibili oggi è di qualità scadente perché orientate e pensate per impianti economici se non addirittura per ascolti in auto. In virtù di questo i fonici con pochi scrupoli audiofili calcano la mano, realizzando incisioni afflitte da evidenti compressioni e povere di realtà dinamica, ma cariche altresì di esasperazioni innaturali in alcune gamme di frequenza. Per approfondimenti sull’argomento è possibile scaricare alcuni paragrafi esplicativi dal libro Hi Fi forever dal sito www.bluemoonaudiotechnology.com

 

Sullo stesso sito verrà pubblicato un elenco delle incisioni più naturali oggi in commercio nei diversi generi musicali, non necessariamente di tipo audiophile.

 

 

I diffusori LS (Line Source) come strumento per riprodurre la realtà sonora

Da quanto sopra esposto risulta evidente quanto i diffusori LS (Line Source) della Blue Moon siano dei precisi strumenti per riprodurre la realtà sonora, e quanto abbiano bisogno di partner adeguati per caratteristiche qualitative. Ciò è valido non solo nella formazione della catena d’ascolto, ma anche e soprattutto nei due parametri sopra citati (ambiente e incisioni), pena un forte decadimento della qualità generale delle riproduzione.

I diffusori Line Source della Blue Moon (soprattutto I modelli più grandi), possono essere assimilabili a delle automobile fuoriserie, sulle quali non ci sogneremmo mai di impiegare benzina a basso numero di ottani per ottenere le massime prestazioni che la macchina è in condizioni di fornire.

 

Il progetto del sistema LS

Gli LS1 fanno parte di un progetto di diffusori acustici innovativo, che prevede anche un modello più piccolo e due modelli più grandi. Il top di gamma, le LS3, saranno costituiti da quattro pannelli con line di altoparlanti verticali “cielo-terra” per realizzare quella che I progettisti considerano la modalità di riproduzione più naturale possibile e massimamente vicina all’evento reale: la Line Source.

L’innovazione consiste nel realizzare dei prodotti senza compromessi che adottano questa tecnologia, impiegando trasduttori planari e dipolari per la via medio-alta e alta, e trasduttori a cono per la via medio-bassa, anch’essi ad emissione dipolare.

 

Per la gamma bassa delle LS1 è stato scelto di far lavorare i woofer in sospensione pneumatica all’interno di un adeguato, ampio, volume che permette il raggiungimento delle frequenze più profonde. Il woofer è alloggiato lateralmente, in modo da consentire un facile posizionamento dei diffusori secondo le esigenze dei vari ambienti.

Anche la struttura del mobile è innovativa, poiché é costituita da tre parti separate (la base, il box del woofer e il frontale che accoglie I trasduttori dipolari), ma unite in maniera disaccoppiata tramite inserti in sughero naturale.

L’assemblaggio delle tre parti è semplice e pratico, e avviene tramite perni in alluminio e oring elastici.

 

I particolari del sistema LS

Il cabinet è stato progettato per essere quanto più possibile inerte, così da evitare che, a causa delle sollecitazioni degli altoparlanti, possa contribuire all’emissione del suono in ambiente.

Il materiale usato é MDF da 5 cm in grado di fornire solidità e smorzamento delle vibrazioni.

Il pannello frontale si collega con la base tramite tre perni in alluminio che lo tengono in sede. I punti di contatto tra il frontale e il box del woofer sono solo quattro  e sono realizzati con cuscinetti in sughero. Questo box è vincolato elasticamente al frontale tramite un oring di tenuta. Il  mobile contenente il woofer poggia su una base in quattro ristrette zone, anch’esse costituite da inserti in sughero.

Posteriormente al pannello frontale, nelle metà superiore, la struttura è aperta, in modo da evitare il cortocircuito acustico del midrange basso (in aria), fino a circa 180Hz. Nella stessa zona lavorano anche i midrange alti e i tweeter, entrambi planari. Anche questa parte poggia sulla cassa del woofer per mezzo di inserti in sughero.

L’insieme del diffusore si presenta molto stabile, pur se disaccoppiato elasticamente fra le singole sezioni, così da formare una struttura il meno risonante possibile.

La finitura è realizzata in due versioni e varia esclusivamente nel pannello frontale: laccata nero pianoforte la prima e Gibson Vintage la seconda.

 

 

Gli obbiettivi sonori

Naturalezza e realismo nella ricostruzione dell’evento sonoro sono gli obbiettivi dei diffusori LS 1.

Per raggiungerli, oltre ad una struttura che riduca drasticamente le vibrazioni indesiderate, sono stati adottati trasduttori planari per la via medio-alta e alta molto particolari e dalle elevate prestazioni, dalla notevole trasparenza, dall’elevato grado di introspezione e dall’elevata velocità di risposta, oltre alla scelta di un crossover con pendenze molto blande e pertanto esente da forti rotazioni di fase.

Sono state anche compensate, ove necessario, la fase e l’impedenza degli altoparlanti, in modo da fornire all’amplificatore che dovrà pilotare questi diffusori un carico quanto più possibile uniforme e resistivo.

È stato scelto di collegare gli altoparlanti che lavorano sulle stesse gamme (quattro tweeter e due midrange alti) in serie tra loro, ottenendo una ampia superficie di emissione e una bassa escursione delle membrane a parità di pressione sonora, abbattendo pertanto la distorsione prodotta dal movimento dei trasduttori. Questa configurazione ha, inoltre, la positiva conseguenza di presentare sui morsetti delle casse un alto valore della resistenza, in modo che i finali possano lavorare in una zona lineare nell’erogazione della loro potenza.

 

Il sistema dipolare garantisce una emissione spiccatamente tridimensionale a cui fa seguito una ricostruzione scenica unica per ariosità e, contemporaneamente, precisa nella struttura. La sospensione pneumatica che accorda i woofer assicura linearità, articolazione e naturalezza di emissione.

Come per i trasduttori planari, anche quelli a cono (midrange basso e woofer) sono stati scelti tra i migliori componenti presenti sul mercato e tra quelli con le caratteristiche di maggiore naturalezza sonica.

Il cablaggio interno delle LS1 è stato realizzato con cavi Acrolink in rame argentato di adeguata sezione e di assoluta qualità, lo stesso tipo di conduttore con cui sono realizzati gli innovativi cavi di segnale e potenza Blue Moon. Dei professionali Speakon garantiscono il trasferimento del segnale nelle varie sezioni delle LS1. 

La taratura finale dei diffusori è stata realizzata in più ambienti, con caratteristiche riscontrabili nella media delle stanze domestiche adibite all’ascolto. Lo scopo è stato, ovviamente, quello di ottenere una buona performance in ambienti con caratteristiche di assorbenza e riflessione diversi fra loro.

 

Caratteristiche Tecniche

Numero Vie: 4

Impedenza: maggiore di 8 ohm (media)

Sensibilità: 89 dB

Potenza consigliata: 50 watt-300 watt (consigliato maggiore di 100 watt)

Tweeter: 4 planari in configurazione dipolare

Midrange alto: 2 planari in configurazione dipolare

Midrange basso: 1 a cono da 18 cm in configurazione dipolare

Woofer: 1 a cono da 26 cm in sospensione pneumatica

Frequenze di crossover: 5000Hz – 450Hz – 150Hz

Dimensioni: cm 45 x 45 x 190 (L x P x H)

Peso: Kg 83 senza imballi (il packiging è costituito da 4 imballi in legno per la coppia)

Prezzo: euro 24.000 coppia

 

Per informazioni:  al sito BlueMoon    

Torna su

Pubblicità

Omega Audio Concepts banner
KingSound banner
DiDiT banner
Vermöuth Audio banner

Is this article available only in such a language?

Subscribe to our newsletter to receive more articles in your language!

 

Questo articolo esiste solo in questa lingua?

Iscriviti alla newsletter per ricevere gli articoli nella tua lingua!

 

Iscriviti ora!

Pubblicità

Dream Streaming banner
HighResAudio banner