ReMusic intervista Aldo Zaninello della Sigma Acoustics

10.11.2016..
ReMusic intervista Aldo Zaninello della Sigma Acoustics
ReMusic intervista Aldo Zaninello della Sigma Acoustics

La Sigma Acoustics non esisterebbe senza Aldo Zaninello – NdR - In Italia conosciuto soprattutto per il suo brand Extreme Audio – ma è anche vero il contrario visto l’amore, l’impegno e la devozione che l’imprenditore e appassionato veneto mette in tutti gli oggetti che realizza: tutte qualità che traspaiono e che vengono restituite all’utente finale che ne riconosce la grande raffinatezza dei materiali, del design e del risultato sonoro.

La presentazione delle Maat, già ascoltate qui, è un’occasione buona per realizzare un’intervista che metta in luce le eccezionali caratteristiche di questi diffusori, che si pongono come vertice assoluto di qualità audio a livello mondiale.

 


Domanda: Ci spiega il perché e il percome del progetto Maat?

Zaninello: Io e i miei collaboratori volevamo costruire una pietra miliare del Made in Italy, con materiali e mano d’opera tutta italiana, che diventasse la flagship della passione Sigma Acoustics. L’idea era di costruire un prodotto che riassumesse tutta la tecnica e l’esperienza acquisita in anni di lavoro e permanenza nel mercato dell’High-End mondiale.

Anche il sound avrebbe dovuto rappresentare un riferimento assoluto, qualcosa da ricordare per molto tempo.

Permettetemi di anticipare una possibile domanda dicendo che, nella mitologia dell’antico Egitto, la dea Maat rappresenta l’equilibrio e la verità.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo ispirati a questa figura mitologica e a ciò che rappresenta, realizzando qualcosa che si avvicinasse il più possibile alla sensazione di suono vero, naturale in tutte le sue caratteristiche, anche quelle negative. Il tutto espresso con un alto grado di equilibrio.

Abbiamo fin da subito intuito che per centrare l’obiettivo dovevamo focalizzare i nostri sforzi non solo sull’estensione in frequenza, sulla timbrica corretta, sulla cura dei dettagli sonori e sulla tridimensionalità, ma anche sulla micro e macro dinamica, espressa con pressioni dinamiche reali nel dominio della naturalezza e dell’equilibrio.

 

Domanda: Se dovesse definire il punto focale Delle Maat?

Zaninello: La facilità d’interfaccia. Le Maat si caratterizzano per la facilità di pilotaggio. Qualsiasi tipologia di amplificazione può essere utilizzata, dai monotriodo alle grandi amplificazioni a stato solido, siano esse moderne o vintage.

 

Domanda: Qual è la strada percorsa per la realizzazione delle Maat?

Zaninello: Sono state necessarie varie linee di lavoro e di direzione in relazione agli obiettivi: innanzitutto è stata perseguita la performance della dinamica nonché del regolare andamento della sensibilità e pressione sonora, cercando di evitare la strada del carico a tromba, che assicura sensibilità ma toglie, a nostro avviso, senso di tridimensionalità e di correttezza timbrica.

Sono stati quindi progettati e realizzati altoparlanti di nuova generazione che fossero adatti e vincenti nel lavoro da eseguire nel progetto Maat. Ogni trasduttore possiede specifiche curve di risposta, sensibilità ed estensione con caratteristiche precise di decadimento armonico nonché impedenze per tale progetto.

Non il solito lavoro quindi di modifica di modelli di serie o “derivati da”, ma altoparlanti mai realizzati prima, con coni, sospensioni, bobine e cestelli costruiti ad hoc con materiali tecnologici che esprimono la migliore produzione mondiale.

Per il cestello dei poderosi quindici pollici, per esempio, allo scopo di accordare anche le pur minime risonanze, è stato ideato e costruito un sistema regolabile di carico e messa in tiro del cestello che ne migliora del venti per cento il valore di "Q".

A proposito della gamma bassa, è stato inserito nel carico reflex un sistema di regolazione del punto di accordo che può essere spostato agevolmente dai ventidue ai sedici herz in pochi secondi in base al proprio ambiente e preferenze d’ascolto.

 

Domanda: Altri obiettivi?

Zaninello: La coerenza. Ovvero il percepire la sensazione del suono puro, il riconoscere all’ascolto che tutta la gamma di frequenze abbia un modo coerente di esprimersi tramite impulsi e decadimenti privi di distorsioni armoniche.

Siamo partiti dallo studio delle curve isofoniche e delle scale di livello di sensazione sonora, ma successivamente ci siamo spinti oltre, cercando di eguagliare le sensazione del suono live sia come ascolto uditivo che come percepito fisicamente, cioè dal resto del corpo umano.

Quindi risulta necessario avvertire, durante l’ascolto del brano, la sensazione di spostamento d'aria e di vibrazione, percepita però come coerente.

Da qui nasce la scelta di utilizzare un array di altoparlanti in grado di offrire un senso di vero e di credibile, sia ai volumi più bassi che a quelli più impegnativi. Pensiamo, ad esempio, ai centoventi decibel veri di un forte orchestrale, e facilmente misurabili con le Maat in funzione, senza peraltro avere la sensazione di fatica d'ascolto.

Dopo due anni di messa a punto e prove siamo finalmente arrivati… alla prova del nove,

cioè quella data da ben nove altoparlanti per ogni diffusore: due tweeter di Heil AMT, cinque midrange da sei pollici e due woofer da quindici pollici, con distribuzione delle emissioni ottimizzate per percepire sia energia che dettaglio. Tutto ciò che si può ascoltare con le Maat, in abbinamento con qualsiasi tipo di amplificatore, suona con un senso di equilibrio, ogni genere musicale e ogni suono produce verità.

 

Domanda: Posizionamento in ambiente?

Zaninello: Per poter concentrare meglio i suoni emessi, l’angolazione dei due tweeter di Heil sovrapposti per canale può essere regolata tramite telecomando, generando un angolo di incrocio ideale tra l’array dei midrange e quello dei tweeter, ottenendo il miglior focus possibile e simulando l'emissione monovia nella delicata zona di gamma media-medioalta, proprio dove il nostro udito è maggiormente selettivo e sensibile.

Partendo dai dati record di decadimento armonico del tweeter di Heil, che tutti sappiamo essere estremamente repentini, con un decadimento tra suono e silenzio praticamente istantaneo, abbiamo teorizzato e successivamente progettato e prodotto i partner ideali in grado di assecondare coerentemente le caratteristiche dei tweeter. Dai test effettuati e dalle misure ottenute abbiamo riscontrato un risultato ragguardevole.

I cento decibel di efficienza delle Maat e il regolare andamento dell’impedenza attestato intorno agli otto ohm, contribuiscono in modo rilevante all’ottenimento dei risultati teorizzati.

Quindi maggior efficienza, ma niente distorsione, niente fatica all'ascolto, niente gigantismo ma solo suono puro. Il tutto in una condizione di fruibilità assoluta, alla luce di una facilità estrema di pilotaggio.

Fin dalla progettazione dei driver si sono ottimizzate le curve di impedenza e i tagli di crossover per poter realizzare un crossover semplice quindi minimamente "detrattivo" o "faticoso" da pilotare da parte dell'amplificatore. Quindi pochi componenti di crossover, taglio del primo ordine a 6 dB ottava situato a 180 e 2.000 Hz, cablatura dedicata White Gold serie Stradivari realizzata con conduttori speciali per tale progetto. I condensatori della serie Evo Supreme di Mundorf, le induttanze in cavo Litz per i bassi e a nastro per i midrange, senza contare i pochissimi resistori della serie no inductance di massima qualità.

Tutto per ottenere una curva di impedenza praticamente piatta su otto ohm senza picchi o zone difficili.

Come mi ha confessato il direttore Roberto Rocchi, che ha effettuato una prova d’ascolto presso di noi, le Maat sono davvero rivoluzionarie, un qualcosa che non si era mai visto prima.

In effetti, i grossi sistemi hanno spesso prestato il fianco a molti di quei difetti che le Maat hanno brillantemente superato, come l'interfaccia difficile con l'amplificatore, cosa che può portare a insoddisfazioni dovute a complicazioni di scelta.

Far lavorare bene un ampli significa anche ascoltare meno distorsioni e i 100 dB puliti e indistorti si sentono, soprattutto se si focalizza l’attenzione sulla differenza tra suono e silenzio.

 

Domanda: Quante coppie di Maat pensate di vendere?

Zaninello: Ne saranno costruite solo quindici coppie, per celebrare l’anniversario dei quindici anni di Sigma Acoustics. Ognuna di esse sarà certificata e sarà anche assolutamente esclusiva e unica per finitura e design scelto direttamente dal cliente su un catalogo di possibili opzioni tra cui il design Orchestra, vale a dire quello della prova attuale, il design Classico realizzato con legni pregiati, e design Moderno in stealthcon linee tese e colorazioni particolari.

 

 

Per ulteriori info: al sito Extreme Audio

Prove tecniche in corso: il produttore e progettista Aldo Zaninello e l’Ing. Lucio Zambon intenti a sistemare le macchine per i test. La giornata è calda...
Prove tecniche in corso: il produttore e progettista Aldo Zaninello e l’Ing. Lucio Zambon intenti a sistemare le macchine per i test. La giornata è calda...
La Sigma Acoustics MAAT è imponente, ma il suono che riesce a sprigionare è agile e raffinato.
La Sigma Acoustics MAAT è imponente, ma il suono che riesce a sprigionare è agile e raffinato.
L’array di midrange con i tweeter di Heil verticali e orientabili tramite telecomando.
L’array di midrange con i tweeter di Heil verticali e orientabili tramite telecomando.
Vincenzo Sollazzo, il vostro redattore dal metro e ottanta di altezza, accanto a una MAAT.
Vincenzo Sollazzo, il vostro redattore dal metro e ottanta di altezza, accanto a una MAAT.
L’Ing. Lucio Zambon e Aldo Zaninello, trent'anni di collaborazione
L’Ing. Lucio Zambon e Aldo Zaninello, trent'anni di collaborazione "massiccia".
 
di Vincenzo Sollazzo
Leggi altri suoi articoli

Torna su

Pubblicità

DiDiT banner
Banner Extreme Audio
Vermöuth Audio banner
Omega Audio Concepts banner
KingSound banner

Is this article available only in such a language?

Subscribe to our newsletter to receive more articles in your language!

 

Questo articolo esiste solo in questa lingua?

Iscriviti alla newsletter per ricevere gli articoli nella tua lingua!

 

 

 

Email:
Lingua:

Pubblicità

Dream Streaming banner
HighResAudio banner